Perché i gatti hanno la forfora? – Cause e soluzioni ai problemi di forfora nei gatti

In questo articolo parliamo di gatti con la forfora. La forfora nei gatti è costituita da cellule morte di pelle secca. Per risolvere il problema della forfora nei gatti bisogna prima di tutto individuare le cause. La forfora nei gatti può dipendere da molti fattori, andiamo a scoprirli.

Scarsa idratazione

Innanzitutto la cosa più importante per un gatto è che sia sempre ben idratato. I gatti normalmente non bevono molto di propria volontà, hanno bisogno di essere invogliati e pregati. I gatti amano l’acqua fresca e pulita, cambiata frequentemente. Inoltre amano l’acqua corrente ed è il motivo per cui i gatti sono così attratti dai rubinetti della nostra casa. Incoraggiare il gatto a bere di più è utile anche per prevenire patologie a carico delle alte e basse vie urinarie.

Per stimolare il tuo gatto a bere puoi acquistare una fontanella per gatti. In commercio ce ne sono di diverso tipo ma io sconsiglio quelle in plastica poiché la plastica favorisce la comparsa dell’acne felina e la formazione di batteri in generale. Io consiglio le fontanelle in acciaio o ceramica. Per scegliere la fontanella per gatti migliore leggi la recensione Fontanella per gatti – Qual è la migliore?


Alimentazione inadeguata

L‘idratazione della pelle (e di tutto l’organismo) passa anche attraverso l’alimentazione. Per favorire l’idratazione del tuo gatto ti consiglio di somministrare al tuo gatto alimenti umidi di qualità. Se il gatto non assume liquidi a sufficienza, tramite acqua o alimenti umidi, è probabile che la sua pelle si secchi e quindi compaia la forfora. 

La forfora inoltre è causata anche da carenze di vitamine e acidi grassi.

Il tonno è un’importante fonte di proteine animali, vitamine e minerali e fornisce un apporto ottimale dei preziosi acidi grassi Omega-3 fondamentali per la salute del gatto. Aggiungere del tonno alla dieta del tuo gatto è utile per fornirgli i grassi necessari per prevenire la formazione della forfora.


A proposito di tonno, ricorda che una buona scatoletta deve avere un’alta percentuale di carne. La quasi totalità dei cibi umidi in vendita nei supermercati contiene solo il 4% di carne, ovvero il minimo consentito dalla legge.

Vuoi sapere quali sono le scatolette di tonno preferite dai nostri gatti?


Thrive Complete Tonno e Salmone

Thrive Complete tonno e salmone è un alimento completo così composto: Tonno 71%, Brodo di tonno, salmone 4%, olio di girasole, Vitamine e Minerali.

Almo Nature HFC tonno dell’Atlantico

Almo Nature HFC è un alimento complementare così composto: Tonno dell’Atlantico 75%, Brodo di pesce 24%, Riso 1%

Fidati di questo consiglio! Scatolette approvate dai nostri esperti del tonno Polly, Nikita e Nasone! Riconoscerebbero l’odore di tonno lontano un chilometro!

Ambiente secco

La secchezza della pelle nel gatto può dipendere anche da un ambiente molto secco. In tal caso puoi acquistare un umidificatore per la casa.

Allergie alimentari

Le allergie alimentari possono causare forfora nel gatto. Se sospetti che il tuo gatto possa avere un’allergia alimentare puoi provare ad eliminare il pollo che solitamente è una proteina più allergizzante. Ricorda comunque che il gatto è un animale carnivoro stretto, quindi se elimini il pollo devi comunque sostituirlo con una proteina animale, non vegetale. Sull’etichetta di ogni prodotto sono indicati gli ingredienti, il primo ingrediente della lista deve essere sempre di origine animale. Se decidi di optare per una dieta casalinga devi necessariamente farti seguire da un veterinario nutrizionista affinché la dieta sia completa di tutti i nutrienti necessari per il tuo gatto. La dieta casalinga è ottima, ma va fatta seriamente per evitare di creare ulteriori danni.

Obesità

forfora gatti

I gatti obesi spesso non riescono a lavarsi da soli e ovviamente le cellule morte rimangono sulla cute. Ti consiglio quindi di spazzolarli tutti i giorni con un pettine delicato. Il classico cardatore per gatti potrebbe irritare la pelle. Il pettine invece è la scelta migliore. Esiste anche la spazzola per sbrogliare i nodi.

Stress

Lo stress può essere causa di forfora nei gatti. Ne parliamo anche nel nostro articolo sulla depressione del gatto domestico. Ricordo molto bene una gattina che abbiamo accolto qualche anno fa. Gianna aveva un pelo opaco e spento, pieno di forfora e sul manto nero si notava moltissimo. Era una rinuncia di proprietà, arrabbiatissima col mondo intero. La sua cura è stata essere adottata da una bella famiglia dove ha potuto ritrovare la serenità! Oggi Gianna fa la baby sitter della sua sorellina umana non pelosa e mette in riga tutti i suoi fratelli cani! Ha preso qualche chilo di troppo ma del resto si sa… l’amore ha anche degli effetti collaterali!

forfora gatti
Gianna e il suo esercito canino

Cheyletiellosi

Gli acari del genere Cheyletiella sono parassiti adattati a vivere sulla pelle di cani, gatti e molti altri piccoli animali. La Cheyletiella provoca una dermatite molto fastidiosa e contagiosa che induce il gatto a grattarsi e lesionarsi. Popolarmente la Cheyletiellosi è chiamata “forfora che cammina” , infatti sulla pelle dell’animale infestato si può osservare come una piccola squama che si muove e si nutre della pelle dell’animale. Questo acaro è molto facile da prevenire grazie all’applicazione periodica di Stronghold.

Gengivite, stomatite o ulcere orali

Talvolta i gatti con problemi orali non si leccano il pelo normalmente, poiché hanno dolore in bocca. In questo caso la formazione di forfora può essere un campanello d’allarme per dirci di dare una controllatina al cavo orale. A tal proposito puoi leggere i nostri articoli Stomatite nel gatto e Perché ai gatti puzza l’alito? Attenzione a gengivite, stomatite e ulcere orali.

Allerderm Spot on (Virbac)

Allerderm Spot-on è una pipetta che si applica sulla cute tra le scapole dei gatti. Allerderm Spot on contiene Skin Lipid ComplexTM: un complesso di ceramidi e acidi grassi simili a quelli che si trovano nella cute sana. L’ applicazione di allerderm spot-on contribuisce a ripristinare la funzione di barriera protettiva dell’ epidermide e favorisce l’idratazione cutanea. Esiste in diversi formati, sia per cani che per gatti.

Conclusioni

Per il trattamento della forfora ti consiglio per prima cosa di cercare di individuare la causa. Evita di lavare la cute del gatto con shampoo o salviettine, perché se già la pelle è secca, si rischia di farla seccare ancora di più, alterando la funzione della barriera protettiva della pelle. Il lavaggio con shampoo per gatti è utile in caso di sporcizia o in caso di patologie cutanee (e in tal caso sarà il veterinario ad indirizzarti verso uno shampoo adatto). Nel nostro articolo Lavare i gatti abbiamo parlato dei casi in cui il bagnetto è una necessità.  forfora gatti

Integratori alimentari? Se il tuo gatto segue una dieta completa e bilanciata non c’è bisogno di integratori, poiché i nutrienti sono già nel cibo. Gli integratori sono utili nell’ambito di una dieta casalinga o in casi specifici di gatti con carenze nutrizionali. Anche se non si tratta di farmaci, ti consiglio comunque di chiedere il parere del veterinario prima di somministrare degli integratori alimentari.

Ricorda di spazzolare il tuo gatto tutti giorni con il pettine delicato e facci sapere se hai trovato utile questo articolo! I prodotti elencati puoi acquistarli cliccando sui banner presenti nell’articolo (che rimandano direttamente ad Amazon)

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici. Grazie da Mamma Carota.